lunedì 21 maggio 2012

ELEZIONI AMMINISTRATIVE: NOTA DEL PRESIDENTE TEDESCHI

Inutile festeggiare, gli elettori hanno punito sonoramente i partiti e non serve a nulla apparire in TV per snocciolare dati, mettere bandierine, rivendicare questo o quel Sindaco. Hanno vinto le liste civiche e i " grillini ". Il PDL di questo passo rischia l'estinzione, la Lega quasi sfrattata al Nord, l'UDC modesta come sempre, l'IDV come al solito "sfascia coalizioni " la Sinistra come sempre a rimorchio. Un esempio per tutti Leoluca Orlando a Palermo, da solo e contro un candidato del Centro Sinistra fa il pieno di voti. Non saranno mica tutti voti dell'IDV quelli di Palermo. Gli elettori bon vogliono più ascoltare i leader di partito tradizionali, sono stanchi, vogliono ascoltare e premiare chi propone nuove idee fuori dagli steccati ideologici. Oggi l'unica voce ascoltata è quella di Grillo e i partiti devono prendere atto di questa nuova realtà. L’ha capito bene a Frosinone l'Avv. Ottaviani che è andato oltre il PDL, è riuscito ad aggregare forze nuove che non hanno nulla a che vedere con il Berlusconismo, eppure in TV a commentare c'erano i soliti noti quelli cioè che stanno dimostrando di non sapere amministrare questa provincia, questa Regione. Una vittoria quella di Ottaviani, sincera, onesta e fuori dalle segreterie di partito. Una vittoria facile soprattutto perché a Sinistra c'era ancora chi pensava di dare le carte, chi pensava di giocare un ruolo principale, chi pensava che creando spaccature potesse smontare le vecchie logiche o magari trarne benefici. A cosa è servita la candidatura Marzi ancora lo devo capire. Non riesco a capire la coalizione IDV - Destra - Socialisti che sosteneva il Candidato Marzi come non riesco capire gli Assessori uscenti della Giunta Marini candidati con Marzi. Pensavano forse che gli elettori premiassero questo modo di fare politica? Peggio ancora, pensavano forse che con il ballottaggio dimenticassero tutte le accuse rivolte a Marini al primo turno? Soliti giochetti di chi oggi non siede nemmeno in Consiglio Comunale. Uno schiaffo al PD da parte di chi pensa solo al potere, un'umiliazione per Michele Marini che difficilmente dimenticherà. Rampanti della politica pronti a passare sul cadavere dell'amico quando in gioco c'e' il potere. Ottaviani con questa vittoria è riuscito a smascherare le velleità di alcuni partiti di sinistra ma anche di destra, i soliti partiti pronti a vendersi la pelle per un posto da Assessore. Il PD ciociaro deve fare una riflessione profonda e chiedersi se non sia il caso di rivedere le alleanze con partiti che ancora una volta hanno giocato sporco. Dopo Cassino ora Frosinone, quale sarà il prossimo sgambetto?

mercoledì 16 maggio 2012

RISPETTO PRIMA DI TUTTO

A FROSINONE L’ANTIFASCISMO FUNZIONA A CORRENTE ALTERNATA




Fino a una settimana fa sia a Frosinone sia a Ceccano i partiti del Centro Sinistra se ne sono dette di tutti i colori senza preoccuparsi che a vincere al primo turno poteva essere un candidato della destra, adesso la preoccupazione dei partiti di sinistra che non hanno voluto sostenere il candidato del PD è quella che a vincere potrebbe essere “ uno di destra”. Che vergogna, che desolazione, che schiaffo alla politica !! Da tempo si respirava nell’aria che nei Comuni di Ceccano e Frosinone a causa della prepotenza di alcuni partiti di sinistra si sarebbe rischiato il flop elettorale, molti, invece di costruire hanno pensato bene di demolire, disgregare tanto da partecipare al primo turno ognuno con un proprio candidato Sindaco. Agli elettori è stato detto tutto e il contrario di tutto, una guerra fratricida che ha lasciato sul campo molte vittime eccellenti, addirittura alcuni partiti come l’IDV non hanno eletto nemmeno un consigliere comunale né a Frosinone né a Ceccano. Adesso che il pericolo è imminente, tutti si apprestano a dichiarare specie a Frosinone che bisogna evitare la vittoria della destra ma scusate se accadeva una settimana fa, cambiavano le cose?

In questo momento di caos politico i partiti invece di semplificare riescono a complicarsi ancora di più la vita. Forse l’essere stati commissariati dal Governo Tecnico non è servito a nulla, il vizio è sempre lo stesso e la preoccupazione degli italiani è sempre la stessa. Dopo Monti cosa faranno i partiti, torneranno a litigare ogni giorno? Forse è bene che a questo punto l’Italia rimanga ancora in mano ai Tecnici visto che i politici non hanno capito la lezione.

lunedì 14 maggio 2012

EDUCAZIONE E RISPETTO PRIMA DI TUTTO.

Ci dispiace dover assistere in questi giorni al Festival dell’ironia sulle affermazioni fatte dal Presidente dei Moderati di Pontecorvo. Facile ironia e scarsa considerazione e delle idee degli altri. Quando abbiamo celebrato il Congresso Provinciale dei Moderati a Pontecorvo abbiamo invitato tutti e ringraziamo quanti hanno partecipato, ci spiace per chi oggi si chiede chi sono i Moderati di Pontecorvo forse era assente o ha ignorato l’evento Abbiamo lavorato sempre con umiltà senza far troppo rumore siamo convinti che lavorare per il bene del proprio territorio è un diritto e significa soprattutto avere senso civico. Non necessariamente bisogna ogni volta mettere in scena il carosello mediatico per trattare le problematiche della Città, bisogna battersi nelle sedi opportune e responsabilizzare le Istituzioni e chi le rappresenta. Pur tralasciando il modo (scusateci il termine) " cafonesco " di giudicare il nostro operato e il nostro pensiero, ci teniamo a precisare che proprio a Pontecorvo noi abbiamo messo in atto una serie di iniziative e nostro avviso efficaci e incisive. Invitiamo pertanto i nostri amici detrattori a rileggersi sui nostri blog tutte le nostre iniziative e le nostre proteste per certi aspetti clamorose, prima di giudicare. L’aver espresso poi un giudizio sulla situazione finanziaria e il timore di un dissesto finanziario al Comune di Pontecorvo non autorizza certo chiunque a esprimere giudizi superficiali su giovani che si sono impegnati in politica da tempo, senza la fortuna di avere dietro un Partito forte economicamente né un Deputati o Consigliere Regionale che magari pagasse loro almeno i manifesti. Pura passione politica è quella dei Moderati di Pontecorvo che spesso e volentieri hanno messo la mano in tasca per pagarsi qualsiasi iniziativa.

Quando a pagare le conseguenze sono i cittadini contribuenti è bene che tutti si impegnino a trovare la soluzione. Essere contro a prescindere, solo perché si è dalla parte opposta, significa non avere il senso di responsabilità e civico, significa guardare solo il proprio orticello.

I Moderati di Pontecorvo come molti sapranno alle ultime elezioni comunali non hanno votato il Sindaco attuale, eppure per senso di responsabilità hanno voluto richiamare l’attenzione di tutti e in particolar modo la massima autorità cittadina affinché si adoperasse per evitare problemi seri alle casse comunali. Era nelle nostre intenzioni invitare le istituzioni ad adoperarsi per risolvere il problema, nei casi di emergenza tutti devono fare la loro parte, è facile indossare la casacca del “ partito contro “ e sparare a zero. La maggioranza dei Cittadini di Pontecorvo ha votato il Sindaco e la sua coalizione e bisogna quindi rispettare il verdetto, inutile accanirsi contro tutti e tutto solo perché il responso elettorale è stato negativo per alcuni. Ci sono delle fasi della vita amministrativa di un Comune che richiedono coesione, senso civico e rispetto per le istituzioni.



MODERATI PONTECORVO



.

mercoledì 9 maggio 2012

PONTECORVO: IL PRESIDENTE DEI MODERATI DI PONTECORVO INTERVIENE SULLA SITUAZIONE FINANZIARIA DEL COMUNE


Domenico Trotta - Presidente della Sezione Modertai di Pontecorvo
In momenti di crisi economica anche le migliori famiglie litigano. Quando manca il denaro, il nervosismo la fa da padrone sul buon andamento di una qualsiasi famiglia, anche se parliamo di amministrazioni comunali. Leggiamo sui quotidiani che anche sul Comune di Pontecorvo si aggira lo spettro di Equitalia che soprattutto in questo periodo sembra non voglia guardare proprio in faccia a nessuno. Abbiamo visto che un semplice avviso dell’Ente riscossore dello stato, può procurare reazioni inaspettate nelle persone, in caso di Enti pubblici il danno è doppio perche a soffrire sarebbe il Comune stesso e i suoi abitanti. Ci auguriamo che il Sindaco Notaro metta a frutto tutta la sua esperienza professionale e politica per impedire qualsiasi dissesto finanziario come paventato in questi giorni dalle opposizioni e s’impegni affinché le opere previste per la Città siano realizzate in tempi brevi in modo da ridare alla Città rilancio e soprattutto vivibilità. La confusione non da mai buoni frutti è bene che l’intera classe politica pontecorvese eviti la rissa proprio in questo momento dove la protesta dei cittadini sale vertiginosamente . Il contribuente ha bisogno di tranquillità e serenità, la dialettica politica se pur accesa in alcuni casi, provoca il distacco degli elettori dalle Istituzioni. Il Sindaco eletto dal popolo deve svolgere una funzione protettiva per la Città e al tempo stesso deve cercare in tutti i modi di coinvolgere le Istituzioni superiori specie se trattasi di Pontecorvo, una Città da tempio dimenticata dalle stesse e oggetto di mortificazioni continue.





PER NON DIMENTICARE ALDO MORO

Trentaquatttro anni fa veniva assassinato, dalle B.R





CHI E' CAUSA DEL SUO MALE PIANGA SE STESSO


Le elezioni Comunali a Frosinone ma anche a Ceccano hanno sancito il tracollo di alcuni partiti e coalizioni. L’IDV e l’UDC in particolar modo hanno subito un tracollo elettorale che in alcuni casi vedi IDV, non sono riusciti ad eleggere nemmeno un consigliere comunale o il minimo indispensabile per l’UDC. Eppure a Frosinone uno dei partiti più attivi nel presentare le candidature a Sindaco doveva sbancare, doveva dare prova di forza e consistenza. Nel caso di Marzi se non fosse stato per il suo valore aggiunto l’11% e quello consolidato dei socialisti, sarebbe stata una figuraccia storica per l’IDV e anche la Destra che ha voluto provare a distanziarsi dal PDL, in casa PD invece, gli umori non sono alle stelle, la preoccupazione è alta visto che il candidato del PDL ha ottenuto un largo consenso andando anche oltre i partiti. Il giocattolo si è rotto ancora una volta nel Centro Sinistra, le divisioni interne e il tentativo di fuga in avanti di alcuni partiti di sinistra, il tentativo di tenera salda l’egemonia e le sorti di alcuni partiti come ad esempio il PD stesso, l’arroganza e il voler ignorare talune realtà, pure importanti in Ciociaria, possono essere letali per chi ambisce a governare un ente importante come il Comune di Frosinone ma anche Ceccano.

Nel caso dei Moderati che mi onoro di rappresentare, non c’è stata la volontà di confrontarsi soprattutto per responsabilità dei partiti ideologicamente da sempre vicini, la spavalderia di taluno e la convinzione di altri è stata la causa del nostro disimpegno in campagna elettorale. Lo stesso errore fatto a livello nazionale nei confronti del Movimento a 5 Stelle, i partiti tradizionali invece di favorire il confronto hanno preferito ignorare certe realtà. Solo oggi da più parti giungono segnali di pacificazione e riconoscimento delle proprie colpe, ma ormai è tardi i giochi sono fatti. Abbiamo preferito dedicarsi totalmente laddove il confronto politico è stato sano e costruttivo, laddove forse si parla di politica e non di poltrone. I risultati che abbiamo ottenuto nella provincia di Roma sono soddisfacenti, guarda caso l’unica provincia dove il PDL ha vinto è proprio la Ciociaria, un’isola felice che non risente assolutamente della politica nazionale. Probabilmente qui in Ciociaria le cose vanno diversamente e forse stiamo godendo ancora i benefici della politica Berlusconiana, criticata da tutti anche oltre confine. In Ciociaria nemmeno i movimenti di protesta hanno avuto successo, vuol dire che non esistono problematiche e che in Ciociaria si vive bene, non c’è disoccupazione, non c’è crisi. Qualcuno un giorno ci verrà a dire che la Ciociaria è come la Germania, dove l’economia viaggia a pieno regime e che i ciociari vivono benissimo senza alcun problema. Ci si è accorti dei Moderati solo ora a urna chiuse e solo dopo aver dimostrato ancora una volta che il nostro pur modesto appoggio può essere indispensabile. E’ tardi cari amici, purtroppo certi accordi vanno fatti con calma guardando soprattutto ai programmi. Siamo stati spessi ignorati, anche dalle TV locali, nonostante tutto abbiamo continuato a lavorare e a far crescere il nostro consenso, ormai siamo in grado di camminare con le nostre gambe, siamo abituati a parlare agli elettori vivendo con loro le loro problematiche, le loro preoccupazioni. Siamo abituati a non partecipare ai salotti televisivi ormai occupati da soliti personaggi che dedicano gran parte della loro giornata alla cura della loro immagine fregandosene dei contenuti e dei problemi dei cittadini. E’ tardi cari amici, i ballottaggi sono alla porta, noi abbiamo già scelto chi votare, a Frosinone e Ceccano voteremo chi ci convincerà e chi saprà parlare ai cittadini liberamente, chi saprà fornire risposte concrete e non spot. Ormai è tardi anche per chi sta tentando in queste ultime ore di ricucire lo strappo mettendo in atto qualsiasi mezzo e forma di avvicinamento. Avete voluto giocare la partita da soli e adesso giocatevi anche la finale, noi siamo salvi, per noi il campionato è finito domenica scorsa. Purtroppo stiamo pensando già alle elezioni politiche e sin da ora invitiamo amici e simpatizzanti a mobilitarsi per mandare definitivamente a casa una classe politica fallimentare che fa finta di non capire e continua a parlare di politica sapendo di aver affidato le sorti della nazione ai tecnici. Continuate pure a spartirvi Consigli di Amministrazione di Enti finché potete, l’alba di un nuovo giorno sta arrivando.

IL PRESIDENTE DEI MODERATI
Silvio Tedeschi

martedì 8 maggio 2012

VIVIANA NAPOLEONE: IL MIO IMPEGNO NEL MOVIMENTO DEI MODERATI E' ANCORA PIU' FORTE


Il mio GRAZIE personale per l’opportunità che mi è stata data; insieme al movimento dei moderati di Roma ho vissuto un’esperienza davvero entusiasmante ed unica. Stringere la mano a tante persone e ascoltare le loro parole, belle e meno belle ovviamente, è stato per me un grande arricchimento di vita che auspico, in futuro, possa aprire nuovi scenari. Grazie a tutti i Moderati che hanno sostenuto la mia candidatura e grazie alle Persone che hanno voluto dimostrarmi la loro fiducia e stima. Rinnovo i miei complimenti sinceri a Luca di Fiori del quale ho potuto apprezzare, durante questa campagna elettorale, la determinazione e la coerenza.

Grazie ancora a tutti,



Viviana Napoleone

L'IMPEGNO PAGA SEMPRE

Non posso che essere soddisfatto dell’esito delle ultime consultazioni elettorali. Per quanto riguarda il Movimento dei Moderati gli esperimenti di Lanuvio e Ardea ci hanno consentito di confrontarci con altre realtà territoriali e politiche diverse. Una sfida che ci ha visto protagonisti, addirittura a Lanuvio la Lista di Centro composta da Moderati , UDC, Democrazia Cristiana e altri Movimenti ha sfiorato la vittoria e ha consentito al rappresentante dei Moderati di Lanuvio di essere il secondo degli eletti con ben 253 preferenze. La lista complessivamente ha preso il 37,33%. Ad Ardea i Moderati hanno dato il proprio sostegno alla Lista dell’UDC che ha ottenuto quasi l’8% dei voti, sostenendo il Sindaco eletto, Luca Di Fiori. Insomma una’avventura davvero entusiasmante che ci ha visto impegnati con tutte le forze, un ringraziamento a tutti i dirigenti, amici e simpatizzanti che in ogni occasione ci hanno accolto come veri amici. La politica fatta tra la gente alla fine paga e soprattutto la passione che anima i Moderati è stata apprezzata da tutti per serietà e competenza. Abbiamo messo in campo persone da sempre impegnate nel sociale e in politica, persone cui non finiremo mai di trasmettere le nostre emozioni, la nostra stima e il nostro apprezzamento. Un grazie particolare ovviamente ai Candidati Marco Trombetta e Viviana Napoleone che da oggi potranno rappresentare con forza il messaggio del Movimento Poltiico dei Moderati